INHABIT project

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Home Temi e risultati Fase preparatoria (P) Selezione aree di studio

Fiumi – Selezione aree di studio

Un inquadramento preliminare per individuare le regioni nelle quali selezionare i bacini di studio è stato effettuato durante l’attività di analisi dei piani di gestione. La selezione delle aree di studio e dei tratti fluviali idonei è avvenuta di concerto con Regione Sardegna e ARPA Piemonte, in accordo con alcuni criteri generali:

  • la selezione di corpi idrici appartenenti al medesimo tipo fluviale;
  • l’inclusione di due diversi tipi fluviali in ciascuna regione.

In Piemonte, regione caratterizzata da un’elevata complessità in termini di numero di Idroecoregioni simultaneamente presenti sul territorio, le attività sperimentali si sono concentrate nelle Alpi Occidentali (HER01) e nella Pianura Padana (HER06).
In Sardegna i tipi fluviali più rappresentativi risultano appartenere a fiumi temporanei. L’approccio iniziale è stato quello di concentrare le attività sperimentali su fiumi effimeri (tipo fluviale 21EF) e in misura minore sui fiumi perenni (21SS), avendo cura di coprire corpi idrici piccoli e medi (SS2 e SS3), più rappresentativi.

La selezione delle stazioni nelle due regioni è avvenuta attraverso un’attività congiunta con gli enti regionali ARPA Piemonte e Regione Autonoma Sardegna.
Per quanto riguarda la Sardegna, non essendo la rete di monitoraggio per il 2011 definitiva al momento della realizzazione delle attività, si è resa necessaria una campagna di sopralluogo dedicata (novembre 2010) che ha portato all’ispezione di un elevato numero di tratti fluviali. Le stazioni visitate sono state descritte in dettaglio al fine di disporre degli elementi necessari per effettuare la scelta (si veda deliverable Pd2 per la descrizione dei tratti investigati in questa attività).

Per quanto riguarda il Piemonte, l’ARPA Piemonte (Agenzia di Protezione dell’Ambiente, Piemonte, Qualità delle acque - Asti) dispone di una rete di monitoraggio più consolidata. La scelta è stata pertanto effettuata mediante un sopralluogo congiunto solo in alcune stazioni. Le stazioni fluviali piemontesi selezionate per INHABIT sono ricomprese nella rete di monitoraggio degli anni 2010 e 2011. Per tali stazioni è stata effettuata una caratterizzazione approfondita da parte di ARPA, ritenuta appropriata per effettuare una scelta idonea anche alle finalità del progetto.