INHABIT project

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Home Il progetto INHABIT Principali risultati attesi

Principali risultati attesi

Le azioni descritte nella sezione “Temi & Risultati” supporteranno il conseguimento dei seguenti risultati (la lista completa dei risultati si trova nella descrizione delle singole azioni):

  • Revisione di alcuni degli approcci e metodi usati in Italia per la preparazione del PdG.
  • Analisi delle misure proposte dei Piani di Gestione dei Bacini idrografici in due o più aree rilevanti italiane.
  • Linee guida e protocolli di campo aggiornati secondo le migliori tecniche disponibili per l’implementazione della WFD.
  • Raccolta di dati (idromorfologici, chimico-fisici e biologici) per stimare la variabilità in siti naturali e impattati.
  • Valutazione delle relazioni tra variabilità naturale di habitat, idromorfologica e chimico-fisica e risposta delle comunità acquatiche.
  • Caratterizzazione dei fattori chimico-fisici, idrologici e di habitat e stima della lunghezza di assorbimento (uptake length) per i tratti fluviali in studio.
  • Valutazione della capacità di ritenzione dei nutrienti in relazione alla qualità dell'habitat, alle caratteristiche idromorfologiche e alle comunità biologiche dei fiumi.
  • Raccolta di serie temporali di concentrazione di azoto nelle deposizioni atmosferiche e in laghi e fiumi d’interesse.
  • Valutazione degli effetti dell’inquinamento da azoto in laghi e fiumi e suggerimenti per il miglioramento dei PdG.
  • Classificazione dello stato ecologico dei siti e bacini di studio secondo gli strumenti più aggiornati e conformi alla WFD.
  • Stima dell’incertezza delle metriche degli EQB considerati nel calcolo degli EQR, con valutazione di variabilità spaziale e temporale.
  • Suggerimenti per migliorare i PdG e i programmi di misure per quanto concerne l’incertezza della classificazione.
  • Organizzazione di workshop per divulgare i risultati raggiunti in merito a classificazione dello stato ecologico e nell’aggiornamento dei PdG.
  • Valutazione dei potenziali effetti dell’incertezza della classificazione dovuti alla variabilità idromorfologica e di habitat sui PdG proposti, per le aree di studio.
  • Divulgazione dei risultati mediante sito web, deliverables, report scientifici e tecnici e organizzazione di una conferenza finale.